venerdì, maggio 02, 2008

Dalla parte di Visco (e ancora contro Grillo)

Eh, no, mi spiace.
In questo paese, ogni volta che si invoca con tanto fervore il diritto alla privacy, io sento un'inequivocabile puzza di bruciato: quel che avviene con le intercettazioni telefoniche, che mettono a nudo la desolante povertà umana della nostra classe dirigente, si ripete ora con i dati delle dichiarazioni dei redditi.
Io sono molto d'accordo con la pubblicazione dei dati relativi ai redditi dei contribuenti italiani.
Questa campagna elettorale si è giocata sulla difficoltà della gente di arrivare alla "quarta settimana", sul paese affamato dalla sinistra, sui supermercati con la gente che ruba per fame...è dunque giusto sapere che chi diffondeva questa immagine guadagna centinaia di migliaia o addirittura milioni di euro all'anno.
E' giusto che i nuovi proletari ed i futuri poveri che si sono identificati in questo mondo ricco e vincente si rendano conto che tra loro e chi li rappresenta, in termini di redditi, c'è una differenza di cento, mille, diecimila volte: e si interroghino almeno su quanto sono scemi.
E' giusto sapere che il noto fustigatore di costumi e vaffanculista professionista guadagna QUATTRO MILIONI DI EURO all'anno: e che invece di andarlo a sentire occorrerebbe seppellirlo sotto una colossale pernacchia, perchè non c'è alcuna credibilità in chi denuncia le caste facendo a sua volta casta a sè.
E' giusto sapere che calciatori e veline guadagnano duecento, trecento volte quello che guadagna un operaio: ed è giusto chiedersi se non sia ora di essere meno fessi, meno imbecilli, e iniziare a prosciugare questo oceano di ingiustizia smettendo di interessarsi di questi circhi mediatici che rendono vergognosamente ricchi personaggi dotati di un solo (e a volte nemmeno quello) discutibile talento.
E' giusto sapere che i magistrati che lottano per la legalità guadagnano dieci volte meno di manager che non decidono e non rischiano mai nulla, se non i risparmi dei poveracci.
Insomma, dietro queste aride cifre che tanto scandalo sembrano dare, si nascondono in realtà una serie di semplici ragionamenti che chiunque possiede un cervello è in grado di fare da solo: è evidente che questo scatena la rabbia dei contaballe professionisti...

Complimenti dunque a Vincenzo Visco per il coraggio di una azione che nel resto d'Europa sarebbe normale, ma qui è un reato da pena capitale: e totale solidarietà rispetto al diluvio di contumelie che i ricchi ed i potenti (ed in particolare il fustigatore di costumi da 4 milioni di euro l'anno, con una veemenza ed una violenza spaventosa e inaccettabile) gli stanno scaricando addosso: ma non è colpa sua se IL RE E' NUDO, e forse sarebbe ora che iniziassimo a gridarlo tutti.

12 commenti:

LaPulceNellOrecchio ha detto...

Eppure è così, la gente vota chi lo affascina, chi ha tanti soldi, perchè sogna di essere come loro...non è affatto vero che se si candidasse un operaio tutti lo voterebbero...purtroppo...perchè paradossalmente l'operaio non ha nulla di nuovo da offrire...

Carla ha detto...

Ciao,una domanda che non c'entra nulla col post:in un tuo vecchio post ho letto che quando accompagnavi tuo figlio a scuola ti fermavi a comprare il giornale,per caso la giornalaia è biondina con gli occhi verdi ,bassina,cicciottina,simpatica?Ha un marito alto,moro con forte accento napoletano/romano?Ti scoccia se te lo chiedo?

Anonimo ha detto...

Bene ha fatto Visco
Grillo può guadagnare quanto vuole se ci paga le tasse, l'importante è che non sia io a dargli soldi, se non voglio, cosa che capita per i politicanti ed i loro giornali.

Artemisia ha detto...

Carla, ma di tutte le giornalaie che ci sono in Piemonte mi sembra improbabile che Lupo abbia beccato proprio la tua amica!

Artemisia ha detto...

Scusami, Lupo, mi sono distratta con le giornalaie. Ti volevo dire che sono perfettamente d'accordo con te.

luposelvatico ha detto...

@carla: no, la "mia" giornalaia era una signora bionda e molto alta, ed il marito è piemontese...:-)
ma poi avrei almeno dovuto dirti in quale comune si trovava, no?:-)))
@artemisia:-:-)))

Carla ha detto...

Di solito il mondo è piccolo,no?

Anonimo ha detto...

avevo iniziato post più lungo, articolato e chiaro,...ma sono riuscita a perderlo... quindi sinteticamente:
- Grillo non mi sta più simpatico! Cavalca, oramai in modo qualunquista, la tigre del "malcontento popolare"...troppo facile!!
- Ho disapprovato che abbia scelto di celebrare il vaffanculo (abbiamo il coraggio di scriverlo e dirlo per esteso...) day il 25 aprile! Anche io come non ricordo chi, (me ne scuso) in altro post ha affermato, di stare con la Storia. Ho celebrato il mio/nostro 25 aprile in altro sito ma con pari dignità di quello che merita/meriterebbe su questo suolo "patrio"!
- Non sono invidiosa del suo reddito! Quello che è importante è che ne paghi le tasse in modo direttamente proporzionale a quelle che a me vengono trattenute come lavoratore dipendente che NON PUO' ma SOPRATTUTTO NON VUOLE EVADERE!!..
- Infine, d'accordo sulla circolazione di notizie apparentemente "private" come la dichiarazione dei redditi (ma se poi ci dicono anche le "misure" -lunghezza e/o profondità...dei Vip- perchè occultare il loro 730/Unico o che dir si voglia??) ma io sarei per l'introduzione di un nuovo parametro (similar ISE), di un nuovo "misurometro" volto a verificare la COERENZA "fra il dire ed il fare" (è il bene + raro e + caro in assoluto sulla faccia della terra...)delle persone, che siano i Grillo, le veline, i calciatori i politici o i tanti "compagni" (mi includo nel novero) che ci circondano...

Artemisia ha detto...

Noto con piacere che siamo in diversi ad essere diamorati di Grillo dopo un periodo di favore.

Anonimo ha detto...

Ps Ho dimenticato di firmare il post...
comunque l'anonimo ero io!
Stefi

viviana ha detto...

sono più che d'accordo, hai espresso benissimo quello che pensiamo in tanti. Devo confessare a latere che a me Grillo non è mai stato molto simpatico nella sua veste di fustigatore dei costumi: ho un'istintiva diffidenza per la modalità-savonarola.
Tornando a Visco: sarà perché di questi tempi sono stufa di ingoiare l'indignazione, ma stavolta ho voluto provare a fare un atto concreto e ho aperto una raccolta di firme di solidarietà per lui e per Romano: Chi ha paura di Vincenzo Visco?. Se vi va fate un salto a leggerla e se siete d'accordo mi aiutate a diffonderla? grazie!
ps: sono una neo-blogger, questa è stata la molla che mi ha fatto venir voglia di 'prendere parola' anch'io.

luposelvatico ha detto...

@artemisia: se clicchi sull'etichetta "Beppe Grillo" al fondo di questo post, ne trovi altri due del 2006 e del 2007 in cui esprimevo già la stessa posizione sul personaggio, verso il quale ho smesso di provare simpatia da quando si è messo in testa di non essere più soltanto un comico.